Home > Gruppi parrocchiali > MINISTRANTI

 
Ministrati
 
 

Iniziamo col dire "chi siamo". Siamo un gruppo di giovani al servizio del Signore in modo particolare nella Liturgia. Serviamo all’altare durante le celebrazioni liturgiche. Siamo chiamati anche “chierichetti”. Il termine ministrante ha ben sostituito col tempo il termine “chierichetto” poichè riesce a far capire meglio il suo significato (cf. Costituzione sulla Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 29). Esso, infatti, deriva dal latino “ministrans”, cioè colui che serve, secondo l’esempio del Signore Gesù che non ha esitato Egli stesso a servire per primo e che invita a fare anche noi la medesima cosa amando i nostri fratelli e le nostre sorelle.

Come affermava Papa Benedetto XVI, "i Ministranti, quando svolgono il proprio servizio all'Altare, offrono a tutti una testimonianza", quindi è chiaro che l'atteggiamento del Ministrante deve essere raccolto, la devozione deve partire dal cuore e si deve esprime nei gesti, nel canto, nelle risposte, tutto questo diventa quindi apostolato! Il Papa Benedetto XVI, concludeva il suo discorso in un incontro internazionale dei Ministranti in Vaticano, con queste parole: "Se rimanete uniti a Gesù e le sue parole rimangono in voi, allora sarete veramente suoi apostoli e porterete frutti di bontà e di servizio in ogni ambito della vostra vita: in famiglia, nella scuola, nel tempo libero".

.: CHI PUO' ESSERE MINISTRANTE  DELLA CHIESA MADRE? :.

Il Ministrante svolge un vero e proprio ministero liturgico (= un servizio d'Amore!) così come i lettori, gli accoliti, i cantori... ma è un compito tutto speciale e originale perchè ciascuno nella Chiesa che è nostra Madre, e nella vita, è chiamato a qualcosa di bello. Può essere dunque Ministrante della Chiesa Madre di San Cataldo, ogni ragazzo, adolescente o giovane che abbia compreso che la Chiesa è espressione di quella sinfonia d'Amore che è Dio stesso. Un ragazzo che sa che il Signore Gesù Cristo è quell'Amico che sa dare un colore e un calore speciale alla vita di ogni giorno vissuta nell'amore, nella piena amicizia con lui e nel servizio ai fratelli, alle sorelle, nella famiglia parrocchiale.

          .: I MINISTRANTI DELLA CHIESA MADRE SONO EDUCATI IN UN TRIPLICE AMBITO :.

alla "Vita spirituale". Puntualmente si ritrovano per incontri di preghiera, ritiri spirituali, celebrazioni di gruppo e naturalmente tutti gli appuntamenti liturgici comunitari-parrocchiali.

 

 

 

 

alla "Professionalità tecnica", grazie a una buona vita spirituale di gruppo e poi vissuta singolarmente, il Gruppo ministranti della Chiesa Madre è un gruppo "professionale", serve con diligenza le celebrazioni liturgiche, anche le più particolari e complesse, dove magari è presente il nostro amato Vescovo. I giovani impegnati in questo particolare servizio hanno ben capito che nelle azioni sacre che la Chiesa compie, si manifesta l'azione di Cristo Gesù, perciò prestano tutta la loro attenzione, affinchè ogni cosa vada nella massima perfezione possibile. Non per niente il grande Concilio Vaticano II nella Costituzione sulla sacra liturgia dice che: la liturgia è “il vertice e la fonte” della vita cristiana". E meglio ancora continua dicendo che "la liturgia edifica quelli che sono nella Chiesa in tempio santo del Signore…, irrobustisce le loro forze per predicare il Cristo…, mostra la Chiesa come segno innalzato sui popoli… realizza la santificazione dell’uomo”.

 

 

hanno una "Particolare preparazione". I ministranti della Chiesa Madre prima di iniziare solennemente (con un particolare mandato, solitamente l'8 dicembre mattina) il loro servizio all'Altare devono fare un cammino di formazione della durata di un mese, dove vengono educati allo spirito liturgico, che significa: educarsi alla vita sacramentale, specialmente all'Eucaristia e alla confessione, con la catechesi e vengono educati all'Amore grande per la Liturgia della Santa Chiesa e al servizio liturgico.


 

La nostra realtà ecclesiale, si ritrova il sabato, alle ore 17.00 per un incontro di fraternità e di formazione, solitamente nel salone del Collegio di Maria.

 
 

 

     
 
 

MINISTRANTI