Home > CATALDO NARO

S.E. Mons. Cataldo Naro

ARCIVESCOVO DI MONREALE

Cataldo Naro – nato a San Cataldo (provincia e diocesi di Caltanissetta) il 6 gennaio 1951 e morto prematuramente, a cinquantacinque anni, a Monreale il 29 settembre 2006, dove si trovava dal 14 dicembre 2002, giorno della sua ordinazione episcopale e del suo ingresso come arcivescovo in quella diocesi – compì gli studi umanistici presso il seminario di Caltanissetta, continuando poi gli studi teologici presso i gesuiti di Posillipo (Napoli). Ordinato presbitero a Caltanissetta il 29 giugno 1974, maturò una formazione intellettuale orientata precipuamente alla ricerca storica. Conseguì infatti il dottorato in storia della Chiesa – discutendo una tesi diretta da Giacomo Martina – presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma e conseguì il diploma di archivista presso la Scuola di archivistica e paleografia dell’Archivio Segreto Vaticano. La sua ricchissima produzione storiografica fa riferimento soprattutto all’epoca moderna e all’epoca contemporanea, avendo egli studiato i più importanti momenti e protagonisti della storia della Chiesa, della spiritualità cristiana e del movimento cattolico in Sicilia (e, soprattutto, nella diocesi di Caltanissetta, a cui come presbitero appartenne e in cui per venticinque anni ricoprì la carica di direttore dell’Archivio Storico Diocesano), con gli imprescindibili collegamenti al più vasto e comprensivo orizzonte civile e politico nazionale in cui le varie vicende ecclesiali e del movimento cattolico di volta in volta risultano inscritte. Ma i suoi interessi di studio si estesero anche alla storia del cristianesimo antico e medievale. Difatti fu per circa vent’anni anni impegnato, presso la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia in Palermo, nell’insegnamento della storia ecclesiastica in tutte le sue periodizzazioni.
 

Numerose le sue pubblicazioni sul movimento cattolico, sulla storia della spiritualità in epoca moderna e contemporanea e su altri aspetti della storia della Chiesa siciliana e italiana, come pure su varie problematiche socio-religiose. La sua personale bibliografia conta i titoli di circa venticinque volumi; e, ancora, le curatele di altrettante pubblicazioni – atti di convegni, reprint di periodici del movimento cattolico del primo Novecento, scritti inediti di e su figure insigni della storia della Chiesa nissena, statuti di antiche confraternite – e numerosissimi suoi saggi apparsi in dizionari storici, in riviste specializzate e in volumi miscellanei, come pure numerosi articoli da lui firmati per i quotidiani La Sicilia, L’Osservatore Romano e Avvenire. La sua vivace attività scientifica si espresse anche nella direzione di alcune collane di studi storici, da lui progettate e curate per conto di case editrici come la S.E.I. di Torino e Salvatore Sciascia di Caltanissetta, come pure per conto di istituzioni culturali o accademiche come il Centro Siciliano Sturzo di Palermo e la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia, per la quale ha diretto anche la rivista «Ho Theológos».

 

Le sue capacità organizzative lo indussero spesso a dar luogo e a sostenere varie iniziative culturali. Ancora giovanissimo docente di storia ecclesiastica presso il corso di studi teologici del seminario diocesano di Caltanissetta, collaborò alla costituzione della Editrice del Seminario, curando la collana «Quaderni di presenza culturale». In seguito, divenuto Prefetto degli studi, promosse l’affiliazione dell’Istituto Teologico-Pastorale Guttadauro di Caltanissetta alla Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia. Collaborò assiduamente anche alle attività culturali dell’Istituto Mediterraneo per la Formazione, Ricerca, Terapia e Psicoterapia di Caltanissetta (sorto all’interno dell’Associazione Casa Famiglia Rosetta) e, sempre a Caltanissetta, fu docente di storia contemporanea presso la sede distaccata della Facoltà di Scienze della Formazione della LUMSA. Fu inoltre membro del consiglio d’amministrazione del Consorzio Universitario di Caltanissetta. Dal 1997 al 2002 fu coinvolto attivamente e continuativamente come consulente per le problematiche di carattere storico nel Progetto Culturale voluto dalla Conferenza Episcopale Italiana per le Chiese d’Italia. Per le sue competenze di storico fu anche membro del Comitato scientifico delle Settimane Sociali animate dalla C.E.I. E sempre per incarico della C.E.I. fu, dal 1998 al 2004, membro del consiglio d’amministrazione del quotidiano Avvenire di Milano. Il suo maggiore impegno intellettuale, tuttavia, si è profuso oltre che in favore della Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia – in cui fu professore ordinario, vicepreside e, per sei anni: dal 1996 al 2002, preside – anche per il Centro Studi sulla Cooperazione «Arcangelo Cammarata», che opera a San Cataldo (Caltanissetta) sin dal 1984, essendo stato tra i soci fondatori del Centro stesso e suo direttore – per ben diciannove anni – sino al 2003, allorché ne fu eletto presidente onorario.
 

Negli anni dell’episcopato fondò a Monreale il Centro Studi Intreccialagli e fu, a livello regionale, il delegato della Conferenza Episcopale Siciliana per l’Educazione cattolica, la cultura, la scuola e l’università; inoltre, a livello nazionale, fu presidente della Commissione episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali e vicepresidente del Comitato preparatorio del IV Convegno ecclesiale nazionale tenutosi a Verona nel 2006.