Home > COMUNITA' ECCLESIALE DI SAN CATALDO > PASTORALE GIOVANILE

della Comunità Ecclesiale di San Cataldo

La Pastorale Giovanile cittadina comprende tutte le attività intraprese dalla comunità ecclesiale, in questo caso di San Cataldo, in favore dei giovani, per far conoscere o riscoprire la bellezza del messaggio di Gesù. Era l’estate del 2005 quando alcuni giovani di San Cataldo, rappresentanti delle varie parrocchie e realtà ecclesiali della città, si sono riuniti per dar vita ad una iniziativa, il Giovaninfesta. Ma di cosa si tratta?  Intanto occorre dire che i ragazzi che hanno organizzato il Giovaninfesta, o almeno alcuni di loro, avevano già intrapreso un cammino che aveva dato inizio alla Pastorale Giovanile cittadina, sotto la guida di don Andrea Muscarella, sacerdote scelto dal Vescovo come Incaricato della Pastorale Giovanile cittadina appunto. Bisogna inoltre aggiungere che tali attività si inseriscono nell’ambito della Pastorale Giovanile diocesana, la quale ha un direttore e alcuni responsabili che si occupano di coordinare e organizzare le attività in favore dei giovani in ambito diocesano. In quel primo anno si ebbero vari incontri che avevano lo scopo di creare comunione tra i vari referenti parrocchiali di Pastorale Giovanile, ossia dei giovani delle varie parrocchie designati dai rispettivi parroci per fare da tramite tra la parrocchia, quindi i giovani, e la stessa Pastorale Giovanile cittadina. Si è quindi iniziato, nel 2004 appunto, con un’Adorazione Eucaristica mensile cittadina dal titolo “Una Luce illumina la notte”. Poi, per far giungere a tutti in maniera efficace il messaggio di Cristo, si pensò di organizzare un grest itinerante per giovani, il “Giovaninfesta” appunto. Quindi nel 2005, subito dopo la GMG di Colonia, a cui un gruppo di ragazzi che stava preparando il grest ha partecipato, si è dato inizio a questa attività dal titolo Vivere la gioia per dare senso alla vita. Si trattava di un vero e proprio grest, con punteggi, classifica e una squadra vincitrice, che si svolgeva ogni sera in un luogo diverso. Non mancavano certamente i momenti di riflessione e comunque attraverso lo svolgersi stesso del grest, il tema e l’operato degli animatori veniva trasmesso il messaggio cristiano. Nel corso della serata finale poi si celebrava la messa, presieduta dal Vescovo. L’iniziativa è riuscita in pieno, tanto è vero che si è ripetuta negli anni successivi ed è diventata l’attività di punta della Pastorale Giovanile sancataldese, che con essa chiude le attività dell’anno precedente e apre quelle dell’anno successivo. Così il Giovaninfesta si è svolto ogni anno con vari temi: Anche tu in Cristo accendi il fuoco della Speranza (2006), La vita è un inno, cantalo (2007), Con Paolo per le strade del mondo (2008), L’Amore è …(2009), Guarda Chi ti guarda (2010), Mission possible (2011), Accendi una Luce nella notte (2012). Oltre che in questa iniziativa, i referenti parrocchiali, sotto la guida dell’Incaricato cittadino di Pastorale Giovanile nominato dal Vescovo, che nel 2004 è stato, come detto, don Andrea Muscarella, dal 2005 al 2009 don Maurizio Vullo, poi, per un breve periodo, don Bernardo Briganti e don Lino De Luca, e infine don Biagio Biancheri, si sono impegnati nella realizzazione di svariate altre attività di preghiera e riflessione, di crescita e formazione, di festa e sport, di volontariato e solidarietà…, in favore dei giovani sancataldesi, . Alcune di queste sono: cineforum, esercizi spirituali, feste in maschera, gite sulla neve, via crucis cittadina, ritiri spirituali, incontri comuni tra più gruppi parrocchiali, allestimento di stand per la fiera cittadina, produzione di un bollettino periodico, meeting. Altre iniziative per i giovani sono state organizzate in momenti significativi: la visita pastorale (2007), la peregrinatio Mariae (2011) e la missione biblica (2012). Inoltre la nascita di questo gruppo interparrocchiale ha favorito la partecipazione dei giovani di San Cataldo alle attività diocesane, tra cui le lectio bibliche per giovani, e non solo come: l’Agorà dei Giovani Italiani di Loreto (2007), la visita del Papa a Palermo (2010) e la GMG di Madrid (2011). E lo scorso anno il gruppo è stato particolarmente impegnato, insieme all’equipe diocesana e alla Pastorale Familiare, nell’organizzazione dell’IGF, che si è tenuta in maggio proprio a San Cataldo, e delle attività ad essa correlate come le lectio di Avvento e Quaresima. L’iniziativa realizzata più recentemente è stata quella del torneo sportivo interparrocchiale “L’abbraccio della speranza” (2014),  la cui I edizione è stata organizzata in occasione dell’IGF e che ha visto quest’anno la sua II edizione dal titolo “Fuga…nell’abisso” (2015).